Informa i tuoi amici sui social.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Cos’è?

Artrosi (o osteoartrite, termine più usato nei paesi anglosassoni) è una malattia che colpisce le cartilagini delle articolazioni e l’osso immediatamente sotto, è una malattia degenerativa, cioè con il tempo tende a peggiorare. La cartilagine in una fase iniziale della malattia presenta delle incrinature che interrompono la continuità della superficie liscia articolare. Nelle fasi più avanzate la cartilagine risulta consumata e l’osso esposto. Da non confondere con Artrite.

Quali sono le articolazioni più colpite?

Vertebre lombari (al primo posto), vertebre cervicali, anca, ginocchio (gonartrosi), le articolazioni delle dita più lontane (noduli di Heberden) o più vicine (noduli di Bouchard) base del pollice (rizoartrosi).  

Che sintomi da?

Dolore, soprattutto al mattino, rigidità, scrosci articolari (una sensazione ed un rumore descritto come uno scricchiolio) può essere presente gonfiore, difficoltà di movimento, debolezza.

I sintomi migliorano nel periodo estivo quando il clima è caldo e asciutto e tendono a peggiorare nel periodo invernale quando è freddo e umido .

Quali sono le cause?

Viene classificata in artrosi primaria quando dipende da una alterazione intrinseca della cartilagine cioè per familiarità o una caratteristica genetica propria la cartilagine è più fragile e meno resistente ai traumi.

Secondaria quando dipende da un evento o da una malattia:

-traumi che abbiano lesionato la cartilagine ed esposto l’osso all’usura: di tipo sportivo, per attività lavorative ecc.

-sovrappeso che negli anni provoca schiacciamento, perdita di elasticità e fratture nella cartilagine

-conseguenze di malattie come la gotta o l’artrite reumatoide

Come viene effettuata la diagnosi?

 

La diagnosi viene effettuata tramite visita specialistica ed eventualmente attraverso l’utilizzo di Radiografie che potranno mettere in evidenza diminuzione dello spazio articolare, formazione di osteofiti, di rigonfiamenti ossei

 

Che incidenza ha?

 

Ne è colpito la quasi totalità della popolazione anziana sopra i 70 anni ma se ne cominciano a vedere i primi segni già sopra i 30 anni soprattutto a carico delle vertebre lombari

Frequentemente una parte del corpo risulta più colpita, per traumi, usura da uso eccessivo, atteggiamenti posturali.

 

Quando ricorrere alla chirurgia?

Qualora la funzione dell’articolazione soprattutto dell’anca e del ginocchio venga compromessa e tutti gli interventi di tipo conservativo abbiano fallito l’intervento chirurgico per protesi è una possibilità sempre più adottata.

 

 

Cosa è il trattamento conservativo?

Il parere del fisioterapista

E’ l’insieme di diverse strategie: fisioterapia per recuperare mobilità alle articolazioni, migliorare la massa muscolare, combattere la rigidità e migliorare la postura.

Laser terapia, magneto terapia.

Integratori per aiutare la cartilagine e l’osso.

Antidolorifici in caso di dolore prescritti dal medico

Infiltrazioni di cortisone o acido ialuronico effettuati da uno specialista.

Questi approcci hanno lo scopo migliorare i sintomi dell’artrosi perchè se è vero che dall’artrosi non si guarisce è altrettanto vero ci si può convivere senza dolore e avere una buona qualità della vita.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *